News

Indietro

Apertura dei dati regionali - Legge n. 12/2016

In linea con l’orientamento europeo e nazionale la Regione Lazio fa propria la “filosofia” dei dati aperti al fine di offrire un servizio gratuito ai cittadini ed alle imprese sia pubbliche che private.

La Legge Regionale n.12 del 2016 “Disposizioni per la semplificazione, la competitività e lo sviluppo della regione”, con l’art. 3 “disposizioni sulla semplificazione amministrativa” modifica l’art. 6 della Legge Regionale n. 72 del 1978, e dispone che  “la Regione, al fine di liberare i dati della pubblica amministrazione per renderli riusabili e favorire l’interoperabilità fra pubbliche amministrazioni nonché di migliorare il controllo e la gestione del territorio, […] nel rispetto delle disposizioni contenute nell’articolo 52, comma 2 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 (Codice dell’amministrazione digitale) e successive modifiche, […] consente l’accesso aperto e gratuito ai dati territoriali ed ai servizi cartografici regionali in forma georeferenziata, in base ad una serie di accordi territoriali che permettano un accesso veloce alle altre pubbliche amministrazioni ed ai privati”.

“La cartografia regionale, di base e tematica, nonché i prodotti ad essa collegabili sono rilasciati in formato aperto, nel rispetto della legge regionale 18 giugno 2012, n. 7 (disposizioni in materia di dati aperti e riutilizzo di informazioni e dati pubblici e iniziative connesse) e successive modifiche”.

“I dati sono resi disponibili, liberamente consultabili e riutilizzabili, sul portale dei dati aperti e sul portale del Sistema Informativo Territoriale della Regione. Le modalità di riutilizzo di tali dati sono disciplinate dalle relative licenze d’uso”.

In particolare, la licenza d’uso che viene applicata ai dataset cartografici di competenza dell’Area Sistema Informativo Territoriale Regionale sono associati alla licenza CC BY 4.0 le cui caratteristiche principali sono:

  • Si può condividere: riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare questo materiale con qualsiasi mezzo e formato;
  • Si può modificare: remixare, trasformare il materiale e basarsi su di esso per le proprie opere per qualsiasi fine, anche commerciale;
  • Il licenziante non può revocare questi diritti fintanto che si rispettano i termini di licenza;
  • Attribuzione: si deve riconoscere una menzione di paternità adeguata, fornire un link alla licenza e indicare se sono state effettuate delle modifiche. Si può fare ciò in qualsiasi maniera ragionevole possibile, ma non con modalità tali da suggerire che il licenziante avvalli te o il tuo utilizzo del materiale;
  • Divieto di restrizioni aggiuntive: non si possono applicare termini legali o misure tecnologiche che impongano ad altri soggetti dei vincoli giuridici su quanto la licenza consente loro di fare.

 

Le disposizioni complete della licenza CC BY 4.0 sono consultabili all’indirizzo: https://creativecommons.org/licenses/by/4.0/

Pertanto, con l’entrata in vigore della Legge Regionale n. 12/2016, tutti i dati territoriali di proprietà della Regione Lazio divengono accessibili da chiunque in forma gratuita (ad esclusione di quei dati protetti da privacy). Una grande quantità di “dataset” geografici sono pertanto stati messi a disposizione sul Geoportale regionale, nonché sul portale dell’open data della Regione Lazio (all’indirizzo “dati.lazio.it”).

Area tematica: Redazionale

Data: giovedì 26 luglio 2018

Pubblicato da: Test Test