A proposito del Geoportale della Regione Lazio.

Il Geoportale Regionale è il punto unico di accesso all’informazione geografica prodotta e gestita dalle varie articolazioni della Regione Lazio; esso è la componente più importante ed evidente della più ampia Infrastruttura Dati Territoriali (IDT), che presenta, oltre al Geoportale, tutta una serie di servizi e funzionalità aggiuntive per la gestione del dato cartografico.

L’Infrastruttura regionale è operativa dal 2018, è gestita dall’Area Sistema Informativo Territoriale Regionale della Direzione per le Politiche Abitative e la Pianificazione Territoriale, Paesistica e Urbanistica, della Regione Lazio, con il supporto tecnico della Società in-house LazioCrea S.p.A.

L’IDT Regionale è stata realizzata conformemente ai precetti della Direttiva Europea 2007/2/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, che istituisce un'Infrastruttura per l'informazione territoriale nella Comunità europea (Inspire) e definisce le regole per l’organizzazione di banche dati geografiche di rilevante valore per l’ambiente. La piattaforma regionale è stata realizzata utilizzando tutti software open source; il codice sviluppato è a sua volta rilasciato in modalità open source e può essere richiesto in riuso da tutte le Pubbliche Amministrazioni, in conformità ai dettami del Codice dell’Amministrazione Digitale.

Con Delibera di Giunta Regionale n. 26 del 19 dicembre 2016, la Regione Lazio ha approvato il ''Documento di Governance'' dell’Infrastruttura Dati Territoriali, all’interno del quale sono dettagliati i diversi flussi di funzionamento della piattaforma e, in particolare, a chi è affidata la responsabilità della pubblicazione e gestione dei dati cartografici; il documento precisa infatti che il Geoportale è uno strumento dedicato a tutte le strutture regionali, siano esse aree, agenzie o aziende gestite dall’Amministrazione Regionale, le quali tutte hanno la possibilità, ma anche la responsabilità, di pubblicare i dati che producono e gestiscono per competenza, sulla piattaforma, in modo da rendere tali dati condivisi, accessibili ed interoperabili.

La D.G.R. n. 26/2016 è stata poi rafforzata dalla Delibera di Giunta Regionale n. 553 del 2 ottobre 2018 (''Disposizioni in merito all'utilizzo della Infrastruttura Dati Territoriali Regionale, del Database Geotopografico e relativa Carta Tecnica Regionale Numerica''), che rende obbligatorio l’utilizzo del Database Geotopografico Regionale (DBGT), e quindi della Carta Tecnica Regionale Numerica (CTRN) che deriva dal DBGT, quale base cartografica di riferimento per le attività di ricognizione dell’Amministrazione Regionale.

Il Geoportale offre accesso all’informazione geografica pubblicata dalle strutture competenti della Regione Lazio; tali dati sono suddivisi in specifiche categorie al fine di facilitarne la ricerca. I dati pubblicati sono tutti accompagnati da opportuni metadati, che forniscono ulteriori dettagli sull’origine del dato, il referente e chiaramente il contenuto; tali metadati sono poi condivisi con il Repertorio Nazionale dei Dati Territoriali (RNDT), gestito dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AGID). Tutti i dati pubblicati sulla piattaforma regionale, se resi accessibili al pubblico dai rispettivi referenti, sono associati ad una licenza d’uso di tipo Creative Commons By 4.0, che ne permette lo scaricamento e il riutilizzo per qualunque finalità, financo a scopo di lucro, purché venga indicata l’origine regionale del dato utilizzato.

Oltre alla possibilità di scaricare in locale il dato raster o vettoriale, l’Infrastruttura Regionale permette di accedere alle informazioni pubblicate anche attraverso protocolli di interoperabilità standardizzati dall’OGC (Open Geospatial Consortium), quali il WMS (Web Map Feature) o il WFS (Web Feature Service); tali protocolli permettono di accedere e di interrogare il dato pubblicato sul portale regionale, anche attraverso software di terze parti, così da semplificare l’accesso all’informazione geografica attraverso procedure, software e flussi decisionali già esistenti.

Versione 2.6.2
Pubblicato il 17/05/2022